Votazioni federali: niente corna, ma a letto comanderà un altro

Votazioni federali: niente corna, ma a letto comanderà un altro
(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 23.38) Con risvolti vetrioleggianti che da ore stanno correndo sul “web”, ma senza discussione alle urne e nemmeno sul tema delle sovvenzioni agli operatori del settore primario per la tutela delle corna delle vacche, l'odierna tornata di consultazioni su tre temi di carattere federale. Deludente l'esito dell'iniziativa “Sì all'autodeterminazione” lanciata dagli ambienti dell'Udc: consenso da un solo cittadino su tre (33.8 per cento contro 66.2, ovvero 872'803 schede contro 1'712'199) e zero Cantoni su 23 (in Ticino, 45'161 favorevoli, 52'810 contrari). Facile facile l'approvazione della Legge sulla sorveglianza degli assicurati, in pratica con numeri-fotocopia (a polarità invertita) rispetto all'iniziativa per l'autodeterminazione: 1'666'816 “sì”, 910'354 “no”, ossia 64.7 contro 35.3 per cento; operazione respinta solo nel Canton Ginevra e nel Canton Giura; 68'615 favorevoli e 29'323 contrari in Ticino. Senza fortuna la battaglia sinteticamente tradotta in “tutela delle corna”: 1'145'099 sostenitori, 1'383'911 contrari, ovvero 45.3 contro 54.7 per cento; il consenso da Basilea-città, Basilea-campagna, Glarona, Sciaffusa (per 31 schede, 16'226 contro 16'195), Ginevra e Ticino (48'263 schede contro 47'480).
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry