“Coro” e “Barocchisti”, Diego Fasolis timoniere in... autonomia

“Coro” e “Barocchisti”, Diego Fasolis timoniere in... autonomia
Nuovo orizzonte, a quanto pare con discreto grado di soddisfazione dall'una e dall'altra parte, nel rapporto tra Rsi su un lato e due delle sue massime espressioni artistiche ossia i “Barocchisti” ed il “Coro della Radiotelevisione svizzera”: in forma di convenzione sottoscritta nelle scorse ore e valida per i prossimi cinque anni, politica analoga sui due binari: con i “Barocchisti”, acquisizione (imprecisati entità e corrispettivi) di prestazioni vocali-musicali per i programmi Rsi; con il “Coro”, garanzia di finanziamento e di acquisto di 10 produzioni fra concerti pubblici e programmi radiotelevisivi, con “sostegno attivo alle produzioni”. L'accordo-quadro si colloca sulla falsariga della modalità adottata nel rapporto tra altre emittenti dell'“universo Ssr” ed analoghe realtà territoriali (e, in fotocopia, secondo il modello applicato nel rapporto tra Rsi ed “Orchestra della Svizzera italiana”). Novità rilevante: dai ruoli esce Diego Fasolis (nella foto), 60 anni di cui oltre 32 all'interno dell'odierna Rsi come musicista e direttore (ultimo quarto di secolo in qualità di maestro stabile dei complessi strumentali e vocali), che si occuperà dell'“Associazione dei Barocchisti” e continuerà ad operare alla guida di “Barocchisti” e “Coro” in totale autonomia artistica.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry