Discarica alla Buzza di Biasca, al «via» la consultazione

Discarica alla Buzza di Biasca, al «via» la consultazione
Era stato preso in considerazione, a suo tempo, come area per il deposito dei materiali di scavo del secondo “tunnel” autostradale sotto il San Gottardo; ad avvenuto abbandono di tale ipotesi, il sedime della Buzza di Biasca torna in linea di conto come possibile àmbito in cui realizzare una discarica per inerti. A renderlo noto sono fonti del Consiglio di Stato, sul lancio della proposta di modifica del Piano direttore cantonale il cui testo sarà posto in consultazione a partire da lunedì 12 novembre e per la consueta durata di 30 giorni. Da uno studio di base risulta infatti che tale struttura è realizzabile in “appoggio” all'odierno deposito dei materiali di scavo “AlpTransit”, con rispetto del paesaggio e, una volta che i lavori siano stati conclusi, in recupero di funzioni dall'elevato interesse pubblico (superfici agricole e boschive, collegamenti faunistici, aree di svago). In funzione di tale proposta, verrebbe stralciata una discarica dalla modesta entità in territorio comunale di Riviera, comparto della frazione Cresciano. Atti, per competenza, in deposito alle Cancellerie dei Comuni di Biasca, Serravalle e Riviera oltre che sul sito InterNet dell'Amministrazione cantonale.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry